Carcere Mamertino

Carcere Mamertino, facciata (M. Piraino

L’antico carcere Mamertino (o Tulliano) si trova all’ombra del Campidoglio, nel rione Campitelli, parzialmente nascosto dalla chiesa di San Giuseppe dei Falegnami, costruita sopra di esso nel XVI secolo. È un luogo fondamentale per la cristianità essendo stata la prigione in cui furono rinchiusi San Pietro e San Paolo prima del martirio.

Le origini di questo edificio oscillano tra realtà e leggenda: sembra che sia stato edificato da Anco Marzio nel VII secolo a.C., anche se vi sono tracce di insediamenti risalenti all’età arcaica. Diverse fonti, tra cui lo storico Sallustio, accertano il suo uso in epoca repubblicana, durante la quale fu ampliato, e “ospitò” illustri personaggi come Vercingetorige e Giugurta. La cristianizzazione del sito risale invece all’VIII secolo, periodo in cui il nome “mamertino” prevalse sul precedente “tulliano”.

Carcere Mamertino interno (M. Piraino)

Nonostante del carcere Mamertino sia rimasta soltanto una piccola parte, sono ancora ben visibili i due livelli su cui era ed è dislocato: quello superiore, di forma trapezoidale, chiamata Carcer, presenta muri realizzati in blocchi di tufo su cui vi sono ancora degli affreschi. Al centro dell’ambiente si trova una botola che rappresenta l’accesso alla zona sottostante (ipogeo), oggi raggiungibile per mezzo di una scala. Il livello ipogeo, circolare, è quello più antico ed è chiamato “tulliano” (dal latino tullus) per la presenza di una sorgente d’acqua e risale all'età arcaica ed era il luogo in cui venivano gettati ed abbandonati al loro triste destino di morte i prigionieri di Stato.

La leggenda narra che san Pietro, scendendo nel Tullianum, batté la testa lasciando così un’impronta che è ancora oggi visibile e protetta da una grata. Nel periodo della loro detenzione i due Apostoli fecero scaturire per miracolo una polla d'acqua e convertirono i loro carcerieri Processo e Martiniano, divenuti martiri a loro volta. Dopo lunghi lavori di restauro il carcere è stato riaperto al pubblico nel mese di luglio 2016.

Carcere mamertino internoCarcere Mamertino, interno (courtesy of R.Cuppini)

 

Fonti

I rioni e i quartieri di Roma, Volume III, anno I, fascicolo 32, pag. 758-759, Roma, Newton Compton editori srl 1989

Area archelogica del Carcere Mamertino