Palazzo Spada

Palazzo Spada 1Palazzo Spada, facciata (S.Della Torre Valsassina)

Palazzo Spada, oggi sede del Consiglio di Stato, si trova in Piazza Capo di Ferro, nel Rione Regola, lungo il percorso che da piazza Farnese conduce a via Arenula. A partire dal 1548 il cardinale Girolamo Capodiferro commissionò all'architetto Bartolomeo Baronino la costruzione del palazzo, che nel 1632 fu comprato dal cardinale Bernardino Spada. Quest’ultimo ne volle fare la sua stabile dimora e incaricò diversi architetti, pittori e scultori di ristrutturarlo in stile barocco. Tra questi vi fu Francesco Borromini che, tra il 1652 e il 1653, si occupò della realizzazione della celebre Galleria Prospettica, caratterizzata da un’illusione ottica ottenuta grazie alla sequenza di colonne di altezza decrescente e al dislivello del pavimento che la fanno apparire ben più profonda di quello che è in realtà. Queste ricercate soluzioni spaziali rispondevano alla volontà del cardinale Spada di esprimere, attraverso l’architettura, il significato simbolico dell’inganno morale e dell’illusione delle grandezze terrene.

Spada BorrominiPalazzo Spada, falsa prospettiva di Francesco Borromini (© 2013, L. Andronico)

Le decorazioni scultoree rendono la facciata tra le più ricche del panorama cinquecentesco romano. Al primo piano si trova una serie di otto nicchie con statue di uomini illustri della storia di Roma. Fra le varie opere conservate negli spazi interni e appartenenti alla collezione privata del cardinale Capodiferro, il palazzo ospita anche una colossale scultura di Pompeo Magno, ritrovata nel 1552, e ai cui piedi sarebbe caduto Giulio Cesare trafitto dalle pugnalate dei suoi assassini.

Palazzo Spada 2Palazzo Spada, dettaglio facciata (S.Della Torre Valsassina)

 

Fonti

I rioni e i quartieri di Roma, Volume II, anno I, fascicolo 24, pag. 554-555, Roma, Newton Compton editori srl 1989

Galleria Spada

Statue di Palazzo Spada